La prova di specializzazione in ICT

{mosimage} Ieri giorno di esame: alle ore 19.00 è arrivato via mail il testo della prova della specializzazione in ICT. Consegna entro le ore 21.00.

Di seguito il testo della prova.

SealedSealed

 

2° Executive MBA ICT

PROVA DI VALUTAZIONE FINALE I ANNO
5 dicembre 2007

NOTA: utilizzare esclusivamente lo spazio assegnato (mezza pagina) per ogni risposta.

1. Quali sono le condizioni organizzative che consentono realmente di "sfruttare" al meglio le potenzialità strategiche dell'ICT in una grande impresa?

2. Come può l'ICT creare nuove fonti di vantaggio competitivo per l'impresa?


3. Quali sono i fattori che maggiormente frenano le PMI italiane in un utilizzo strategico delle ICT?

4. Caso Superlana
La SuperLana Spa è un’impresa produttrice di tessuti in lana di elevato livello, con oltre 800 dipendenti ed un fatturato di circa 200 mln di euro. Ad inizio 2005 la SuperLana decide di introdurre un sistema Wi-Fi a supporto del controllo avanzamento produzione e della gestione del magazzino prodotti finiti, semilavorati e materie prime. L’introduzione di tale tecnologica ha consentito di riprogettare radicalmente i processi produttivo-logistici e di ottenere i seguenti benefici:
eliminazione dei supporti cartacei che in precedenza documentavano la movimentazione interna dei materiali;
eliminazione degli errori dovuti ad una errata o mancata identificazione della merce;
riduzione del livello medio delle scorte del 30%;
riduzione dei tempi di Data Entry da parte del personale amministrativo;
minori tempi medi di consegna al cliente;
diminuzione degli errori di consegna della merce ai clienti;
minori costi e tempi legati ai cambiamenti “all’ultimo momento” delle priorità di picking e di consegna.
4.1 Utilizzando il metodo DCF modificato, identificare i principali value driver mettendo in evidenza l’impatto sui flussi di cassa in ingresso e in uscita.

5. Caso First
La First Spa è un’azienda che produce e commercializza macchine per la lavorazione delle carni, che nella maggior parte dei casi devono essere personalizzate sulla base delle esigenze specifiche dei propri clienti. Il ciclo produttivo prevede una prima fase di progettazione delle macchine da parte dell’ufficio tecnico interno in collaborazione con i progettisti di alcuni fornitori di componenti considerati “strategici”. La successiva fase di produzione delle macchine, prevede l’utilizzo di numerosi contoterzisti sia per l’attività di realizzazione dei componenti, sia per alcune fasi di pre-assemblaggio: all’interno dell’azienda viene effettuata esclusivamente la fase di assemblaggio finale. L’utilizzo di un numero elevato di fornitori e contoterzisti ha generato una notevole complessità dal punto di vista logistico e del controllo della produzione. I flussi di materiali (materie prime, componenti, semilavorati, ecc.) sia all’interno dei 3 capannoni e 2 magazzini dell’azienda, sia verso attori esterni sono particolarmente intensi, con difficoltà anche dal punto di vista della gestione documentale e informativa. In particolare, nei due magazzini le attività di picking vengono ancora effettuate in modo tradizionale: gli addetti sono soliti utilizzare una distinta di prelievo cartacea, estratta dal sistema gestionale, con segnalati i codici dei componenti/semilavorati da prelevare ma senza indicazioni sul posizionamento dei medesimi e sulla reale disponibilità.
Infine, per quanto riguarda l’attività di vendita, l’azienda utilizza 10 commerciali con profilo tecnico che, negli ultimi tempi, hanno lamentato l’impossibilità di accedere ad informazioni sulle macchine realizzate dall’azienda in passato (immagini, disegni, specifiche tecniche, ecc.) durante le visite presso nuovi clienti, al fine di rendere più efficace la propria azione commerciale.
5.1 Quali progetti ICT suggerireste alla First Spa?

5.2 Come procedereste ad una definizione delle priorità di intervento dei progetti ICT proposti al punto precedente?

6. Che influenza ha l’ICT nella transizione verso nuovi modelli organizzativi? Quali sono gli impatti sul ruolo e l’organizzazione della funzione ICT?

7. In che modo l’Outsourcing della funzione ICT può influenzare la capacità d’innovazione di un’organizzazione? Come è possibile migliorare tale impatto?

8. Cosa si intende per sistema integrato di misurazione delle prestazioni di tipo "strategico"? E' possibile progettare un sistema di questo tipo anche a livello di IT department?

9. Facendo riferimento al modello di un Sistema Informativo illustrato a lezione, si descriva la componente relativa al modello funzionale. Si illustri, in particolare, come il modello dei dati e il modello dei casi d’uso concorrono alla definizione del modello funzionale.

10. Si descrivano sinteticamente le caratteristiche fondamentali che caratterizzano un Sistema ERP (Paradigma di un Sistema ERP).

11. Si illustri la metodologia utilizzata a lezione per la valutazione della Maturità Applicativa di un Sistema Informativo Aziendale e si commenti il posizionamento sulla stessa dell’approccio basato sul ricorso a più applicazioni Best of Breed e dell’approccio basato sul ricorso ad un sistema ERP.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *